Delitto di Usura

Movimento Vittime dell'Usura e della Estorsione Bancaria.
Assistenza Informativa, Tecnica e Legale

Contatti telefonici: 342 0504778 - 331 9523745


Banche cooperative, duro colpo alla riforma Renzi. 6 mesi di moratoria e poi.

La riforma, tra le altre cose, prevedeva l'ampliamento dei soci con l’innalzamento del capitale da loro detenibile, da 50.000 a 100.000 euro, e del numero minimo dei soci che ogni Bcc deve avere, da 200 a 500. Trasformando quindi le Bcc in tutt'altro che piccoli istituti vicino al territorio. Le banche cooperative dovevano poi confluire in una s.p.a. (Gbc), condizione questa per il rilascio dell’autorizzazione all’esercizio dell’attività bancaria. Ma le circa 300 banche cooperative diffuse sul territorio italiano anche con conflitti di interesse interni, storture e cattive gestioni, nel 2014 avevano coefficienti patrimoniali più elevati del resto del sistema bancario. Più interessante sarebbe stato se fosse stato adottato un modello di riforma simile a quello tedesco: prevede che le piccole e medie banche si prestino garanzia reciproca e mutuo soccorso in caso di difficoltà e non siano fuse in un unico gruppo; limitando anche la durata delle singole cariche istituzionali interne al fine di evitare l'insediamento di poteri localistici riproducibili a vita (come è stato in tanti casi)....

http://www.affaritaliani.it/economia/banche-cooperative-duro-colpo-alla-riforma-renzi-6-mesi-di-moratoria-poi-550694.html


banche-cooperative-duro-colpo-alla-riforma-renzi-6-mesi-di-moratoria-e-poi-1531459728b.html