Delitto di Usura

Movimento Vittime dell'Usura e della Estorsione Bancaria.
Assistenza Informativa, Tecnica e Legale

Contatti telefonici: 342 0504778 - 331 9523745


La guerra al contante in India è stata un fallimento e pure controproducente.

Era l’8 novembre del 2016 e mentre l’America eleggeva il suo nuovo presidente, l’India annunciava un clamoroso piano per ritirare dalla circolazione le banconote da 500 e 1.000 rupie, corrispondenti allora a 6,50 e 13 dollari, emesse per un totale di 217 miliardi di dollari e pari a oltre l’80% del valore delle banconote circolanti. L’obiettivo della misura consisteva nel combattere l’economia sommersa e illegale, visto che si presupponeva che i pezzi di valore più alto fossero in mano sostanzialmente a criminali ed evasori fiscali. La Reserve Bank of India ha pubblicato i risultati di quella operazione, trovando che ben il 99,3% delle banconote ritirate è stato depositato in banca. In sostanza, la guerra al contante si è rivelata un fallimento totale. Due le cose: o non era vero che gli evasori fiscali e i criminali possedessero i tagli di maggiore valore in misura superiore alla media o hanno funzionato gli schemi messi in campo per dribblare i controlli....

https://www.investireoggi.it/economia/la-guerra-al-contante-in-india-e-stata-un-fallimento-e-pure-controproducente/


la-guerra-al-contante-in-india--stata-un-fallimento-e-pure-controproducente-1535697128b.html