Delitto di Usura

Movimento Vittime dell'Usura e della Estorsione Bancaria.
Assistenza Informativa, Tecnica e Legale

Contatti telefonici: 342 0504778 - 331 9523745


Debiti del defunto: quando Equitalia può chiedere il pagamento agli eredi?.

Sebbene i debiti contratti da un soggetto deceduto, si trasmettono ai suoi eredi, ci sono dei casi in cui Equitalia o l’Agenzia delle Entrate non possono pretenderne il pagamento dagli eredi. In uno di questi casi rientra la rinuncia all’eredità da parte degli eredi che può avvenire entro 10 anni dalla morte e solo dopo l’apertura della successione. Essa permette agli eredi di liberarsi dai debiti del familiare defunto. Larinuncia può avvenire con dichiarazione ricevuta da un notaio o dal cancelliere del tribunale del circondario in cui è stata aperta la successione e deve essere inserita nel registro delle successioni. Per tali regole sono però previste delle eccezioni per l’erede che è nel possesso dei beni del defunto: in tali casi i termini si riducono ed egli entro 3 mesi dall’apertura della successione deve redigere l’inventario e nei 40 giorni successivi deve fare la comunicazione, accettando appunto l’eredità con beneficio di inventario. Il titolare dell'imposta non pagata per poter esigere ilpagamento del debito tributario da parte degli eredi deve provare quindi l’accettazione dell’eredità da parte dei chiamati. La prova è quindi strettamente legata alla produzione degli atti dello stato civile dal quale si evince il rapporto di parentela con il "de cuius”, non bastando la produzione della sola denuncia di successione (Corte di cassazione sentenza n. 3611 del 24/02/2016)...

http://it.blastingnews.com/tasse/2016/03/debiti-del-defunto-quando-equitalia-puo-chiedere-il-pagamento-agli-eredi-00826267.html


debiti-del-defunto-quando-equitalia-pu-chiedere-il-pagamento-agli-eredi-1457608552b.html