Delitto di Usura

Movimento Vittime dell'Usura e della Estorsione Bancaria.
Assistenza Informativa, Tecnica e Legale

Contatti telefonici: 342 0504778 - 331 9523745


L’anatocismo degli interessi è tema ampiamente trattato a partire almeno dagli anni ‘90 e pur tuttavia ancora dai contorni non ben definiti. Con il termine anatocismo si intende la produzione degli interessi sugli interessi. Ma cosa significa esattamente? E che conseguenze ha?

È una pratica legittima? Quali le conseguenze?

Nonostante la legge ne avesse previsto limiti rigorosi, in passato si riteneva che gli interessi anatocistici fossero pienamente legittimi in quanto nel settore bancario si era diffuso l’uso di applicarli ai contratti di conto corrente.

Ciò fino al 1999, quando la Corte di Cassazione ha dichiarato la nullità della clausola relativa all’anatocismo in quanto non basata su un uso riconosciuto come valido dalla legge.

La conseguenza è che i titolari di contratto di conto corrente possono richiedere alla banca tutti gli interessi illegittimamente calcolati e versati. E se il conto corrente è risalente nel tempo, può trattarsi di cifre anche molto rilevanti.

Ciò ha scatenato un enorme contenzioso ai danni delle banche ed è anche per questo che le vicende dell’anatocismo hanno subito continui cambiamenti nel tempo. Molti infatti sono gli interventi normativi e giurisprudenziali che hanno inciso sulla materia tanto da poter considerare diverse fasi storiche:


  • nel periodo precedente il 2000, l’anatocismo era vietato e le relative clausole nulle, ciò che vuol dire che gli interessi versati possono essere richiesti;
  • per il periodo successivo all’1 luglio 2000, l’anatocismo è valido purché la relativa clausola sia approvata per iscritto e venga prevista a condizione di reciprocità (e cioè applicata in modo paritario per la banca e per il cliente);
  • nel periodo tra il 2014 ed il 2016, l’anatocismo è del tutto vietato;
  • dal 2016 è vietato solo per gli interessi debitori (cioè quelli a carico del cliente);
  • inoltre, sempre dal 2016, per i conti correnti affidati (cioè caratterizzati da un’apertura di credito che sia di fatto o di diritto), tale divieto è derogabile mediante autorizzazione preventiva del cliente.

Quest’ultimo aspetto può ritenersi la novità più rilevante perché, se si considera che il settore bancario è caratterizzato da contratti standardizzati, è ragionevole ritenere che l’anatocismo verrà automaticamente incluso nei contratti tra banca e cliente. In breve, ciò comporta un sostanziale ritorno al passato con forte depotenziamento del divieto di anatocismo. Se volete approfondire l’ argomento riguardante l’ anatocismo bancario sul nostro sito www.delittodiusura.it troverete un infinità di articoli e sentenze interessanti, se poi volete ulteriori spiegazioni potete contattarci telefonicamente al seguente numero di tel. 342.05.04.778 http://http://www.delittodiusura.it/b/anatocismo/



il-significato-della-parola-anatocismo.html