Delitto di Usura

Movimento Vittime dell'Usura e della Estorsione Bancaria.
Assistenza Informativa, Tecnica e Legale

Contatti telefonici: 342 0504778 - 331 9523745


Cassazione Sezione Unite Civili: La Suprema Corte con sentenza n. 21854 17 del 20 09 2017, ha definitivamente deciso che per i soggetti vittima di usura o estorsione bancaria il giudice dell'esecuzione al quale e stato trasmesso il provvedimento del pubblico ministero non può sindacare né la valutazione con cui il pubblico ministero ha ritenuto sussistente il presupposto della provvidenza sospensiva, né l'idoneità della procedura esecutiva ad incidere sull'efficacia dell'elargizione richiesta dall'interessato.

Cassazione Sezione Unite Civili: La Suprema Corte con sentenza  n. 21854-17 del 20-09-2017, ha definitivamente deciso che il giudice dell'esecuzione cui sia stato trasmesso il provvedimento del pubblico ministero che, dispone la "sospensione dei termini" di una procedura esecutiva a carico del soggetto vittima di usura o estorsione bancaria ed ha chiesto l'elargizione di cui alla legge n. 44 del 1999, non può sindacare né la valutazione con cui il pubblico ministero ha ritenuto sussistente il presupposto della provvidenza sospensiva, né l'idoneità della procedura esecutiva ad incidere sull'efficacia dell'elargizione richiesta dall'interessato./website/data/cassazione civile/art_20.pdf
Apri in pdf

cassazione-civile
homepage