Delitto di Usura

Movimento Vittime dell'Usura e della Estorsione Bancaria.
Assistenza Informativa, Tecnica e Legale

Contatti telefonici: 342 0504778 - 331 9523745


Tribunale di Verona: Il Giudice con Sentenza n. 783 2016 del 24.03.2016.

Tribunale di Verona: Il Giudice con Sentenza n. 783-2016 del 24.03.2016 ha sottolineato che L’interpretazione dell’art. 8, 1 comma, D.Lgs. 28/10 nel senso che il primo incontro tra le parti e il mediatore abbia la funzione di verificare la volontà e disponibilità delle parti, informate sulla natura e funzione della mediazione cui il mediatore intende procedere, ad ‘autorizzare’ l'avvio della procedura, consentendo loro altresì di fornire le eventuali giustificazioni per non procedervi è pienamente avallata dall’art. 5, comma 2 bis, che, nell’affermare espressamente che "…la condizione si considera avverata se il primo incontro dinanzi al mediatore si conclude senza l'accordo”, implicitamente ammette che il primo incontro informativo non è un momento estraneo alla ricerca dell’accordo e che la mediazione possa legittimamente chiudersi al primo incontro, sicchè nell’espressione ‘senza l’accordo’ deve necessariamente rientrare anche l’ipotesi che le parti o una di esse non intendano tout court proseguire con la mediazione, ritenendo preferibile che la controversia sia conosciuta dall’autorità giudiziaria/website/data/sentenze/180_sentenza_vr_24032016.pdf



Apri in pdf

sentenze
homepage