Delitto di Usura

Movimento Vittime dell'Usura e della Estorsione Bancaria.
Assistenza Informativa, Tecnica e Legale

Contatti telefonici: 342 0504778 - 331 9523745


Trentenne si suicida, non c'è lavoro.

Ci troviamo a Udine, una notizia che ha sconvolto tutti i concittadini e non solo, anche tutto il paese Italiano, quello del#suicidio di un ragazzo trentenne disoccupato. Il motivo è sempre lo stesso, quello che sta colpendo molti padri di famiglia e molte famiglie in generale, la mancanza del lavoro.

Prima di compiere il gesto estremo, il ragazzo ha scritto una lettera-denuncia. Si è tolto la vita perché non riusciva a vedere un futuro, una via d'uscita a questa crisi che sta colpendo tutti. Nella sua lettera scrive: «un incubo di problemi, privo di identità, privo di garanzie, privo di punti di riferimento, e privo ormai anche di prospettive» facendo sarcasticamente i «complimenti al ministro Poletti. Lui sì che ci valorizza a noi str...», per poi terminare con «Ho resistito finché ho potuto» ed è così che il giovane ragazzo, con ancora tutta una vita davanti ha deciso di farla finita, chiedendo scusa ai suoi genitori, per il dolore interminabile che proveranno...

http://it.blastingnews.com/cronaca/2017/02/trentenne-si-suicida-non-c-e-lavoro-001458591.html


trentenne-si-suicida-non-c39-lavoro-1486826197b.html