Delitto di Usura

Movimento Vittime dell'Usura e della Estorsione Bancaria.
Assistenza Informativa, Tecnica e Legale

Contatti telefonici: 342 0504778 - 331 9523745


Le Sezioni Unite sulla rilevanza usuraria della CMS per i rapporti svoltisi, in tutto o in parte, prima dell’entrata in vigore dell’art. 2 bis d.l. n. 185/2008.

L’esclusione del carattere interpretativo, e quindi retroattivo, dell’art. 2-bis d.l. n. 185/2008 non è decisiva però per la soluzione della questione della computabilità della CMS agli effetti del superamento del tasso soglia dell’usura per il periodo anteriore all’entrata in vigore della citata disposizione. Per sé, la CMS, quale "corrispettivo pagato dal cliente per compensare l’intermediario dell’onere di dover essere sempre in grado di fronteggiare una rapida espansione nell’utilizzo dello scoperto di conto … calcolato in misura percentuale sullo scoperto massimo verificatosi nel periodo di riferimento” – secondo la definizione richiamata nelle Istruzioni della Vigilanza –, non può che rientrare tra le "commissioni” o "remunerazioni” del credito già menzionate dall’art. 644, co. 4 c.p. (ai fini della determinazione del tasso praticato in concreto) e dell’art. 2, co. 1 l. n. 108/1996 (ai fini della determinazione del tasso effettivo globale medio, c.d. TEGM), attesa la sua dichiarata natura corrispettiva rispetto alla prestazione creditizia della banca.....

http://www.dirittobancario.it/giurisprudenza/banca-e-finanza/spese-e-commissioni/le-sezioni-unite-sulla-rilevanza-usuraria-della-cms-i-rapporti-svoltisi-tutto


le-sezioni-unite-sulla-rilevanza-usuraria-della-cms-per-i-rapporti-svoltisi-in-tutto-o-in-parte-prima-dellentrata-in-vigore-dellart-2-bis-dl-n-1852008-1529656607b.html