Delitto di Usura

Movimento Vittime dell'Usura e della Estorsione Bancaria.
Assistenza Informativa, Tecnica e Legale

Contatti telefonici: 342 0504778 - 331 9523745


RICONOSCERE I CASI DI ANATOCISMO E USURA BANCARIA.

Anatocismo e usura bancaria su carte "revolving"

l’uso sempre più frequente di questa forma di finanziamento, dovuta anche alla facilità con la quale si può accedere al prestito, ha portato ad un aumento esponenziale dell’offerta da parte di istituti di credito e finanziarie. 

Tuttavia in moltissimi casi si sono riscontrati tassi usurai e anatocismo. Per questo motivo ti consigliamo di rivolgerti a INMEDIAR che fisserà un incontro tra le parti al fine di dirimere bonariamente ogni tipo di controversia.

Anatocismo e usura bancaria su swap e derivati

derivati sono strumenti finanziari il cui valore è collegato al valore di uno o più parametri finanziari sottostanti (detti underlying).

I principali prodotti derivati (swap):

swap di interessi (Interest Rate Swap, IRS): è un contratto che prevede lo scambio periodico, tra due operatori,
  di flussi di cassa aventi la natura di "interesse” calcolati sulla base dei tassi di interesse predefiniti e differenti e
  di un capitale teorico di riferimento;

swap di valute (currency swap, CS): è un contratto stipulato fra due controparti che si scambiano nel tempo un
  flusso di pagamenti denominati in due diverse valute. Si pone quale scambio a pronti di una determinata valuta
  e nel contempo in uno scambio di eguale ammontare e cambio, ma di segno opposto, a una data futura 
  prestabilita;

swap di commodities: è un contratto stipulato fra due controparti che si scambiano nel tempo un flusso di
  pagamenti indicizzati al cambiamento di una commodity da un lato e a un tasso fisso dall’altro.
  Un esempio comune sono swap sul prezzo del petrolio (Oil swaps);

swap di protezione dal fallimento di un’azienda (Credit default swap, CDS): è un contratto di assicurazione
  che prevede il pagamento di un premio periodico in cambio di un pagamento di protezione nel caso
  di fallimento di un’azienda di riferimento;

hedging: riduzione (fino ad annullamento) di una potenziale perdita (rischio finanziario);

trading: profitto sulla variazione di prezzo (nel tempo), assumendo un rischio finanziario.
  Tutti i flussi si eseguono in un unico mercato;

- arbitraggio: profitto sulla differenza di prezzo fra due mercati (in un dato tempo).
  Si acquista in un mercato, e si vende il derivato o il sottostante in un altro.

Obiettivo dei contratti derivati è la copertura di un rischio connesso alla variabilità di un indice.

I contratti derivati oltre a non generare pienamente questo tipo di copertura pongono un ulteriore costo a carico del cliente e spesso la contrattualistica di base non è completa né regolare.

Nel documento descrittivo dell’operazione l’ente emittente (spesso la banca) indica i casi in cui la banca paga il cliente in virtù del contratto derivato. 

Per esempio se il contratto è a copertura dell’oscillazione del tasso variabile, il derivato potrebbe proteggere il cliente da un aumento sopra il 5%. Quindi il cliente che ha in corso un finanziamento a tasso variabile scambia il variabile per il fisso. Il cliente paga il tasso variabile e la banca paga il cliente se il tasso supera il 5%. Il cliente ha quindi la garanzia che il tasso non sarà superiore al 5%. 

Per questo il cliente è disposto a pagare un premio (cioè l’acquisto del derivato) come se fosse un’assicurazione. Ovviamente se il tasso non raggiungesse mai il 5% il premio rimarrebbe a carico del cliente.

Cosa succede invece quando il derivato è disequilibrato?

Quale è la condizione in cui è la banca a pagare:

- non esiste;

- esiste ma in casi difficilmente verificabili;

- il derivato in concreto addirittura non protegge dall’oscillazione.

In queste ipotesi si dice che il contratto non è equilibrato ed è in forte sfavore del cliente.

DERIVATI e SWAP sono:

STRUMENTI FINANZIARI COSTRUITI E STRUTTURATI DALLE BANCHE (sono prodotti che le banche creano su misura per il cliente).

VENGONO UTILIZZATI PER:

- «ASSICURARE» PRESTITI E FINANZIAMENTI CONCESSI AI PROPRI CLIENTI CORRENTISTI AZIENDALI

- «RISTRUTTURARE» IL DEBITO AZIENDALE AI PROPRI CLIENTI CORRENTISTI 

Quando i contratti su DERIVATI sono impugnabili e annullabili? 

Lo sono nei seguenti casi: 

1) Clausole compromissorie vessatorie;

2) Manca il profilo di rischio del cliente; 

3) Irregolarità contrattuali; 

4) Vizio sull’età del sottoscrittore; 

5) Per anatocismo e usura

6) Cause astratte sottostanti avariate .

Quali anomalie si riscontrano più frequentemente nei DERIVATI e SWAP?

VIZI NORMATIVI

- Profilo di rischio non idoneo;

- Mancanza di documenti;

- Patto leonino;

- Età del sottoscrittore

VIZI CONTABILI

- Costi occulti;

- Mancanza coperture;

- Evidenza di speculazione;

- Ricalcoli errati di MTM/FLUSSI/UP FRONT.

Queste anomalie possono altresì generare:

- USURA OGGETTIVA;

- USURA SOGGETTIVA;

- TRUFFA CONTRATTUALE.

 

Per approfondire l'argomento visita il sito del Delitto di Usura http://www.delittodiusura.it


riconoscere-i-casi-di-anatocismo-e-usura-bancaria-1466672027b.html